Micro-Intervista con Josh Bell

X

Privacy & Cookie

Questo sito utilizza cookie. Continuando, accetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni, tra cui come controllare i cookie.

Capito!

Pubblicità

JOSH BELL insegna all’Università di Harvard ed è l’autore di No Planets Strike e Alamo Theory. Ha insegnato per i programmi MFA presso la Columbia University e l’University of Iowa e ha talvolta servito come collegamento poesia alla rivista Cosmopolitan.

La poesia di Josh Bell, “And a White Sow for Juno on Tuesday”, è stata originariamente pubblicata nel numero 14.1, 2002.

 Josh-Bell-1

Clicca qui per visualizzare come pdf.

La tua poesia, “And a White Sow for Juno on Tuesday”, è stata presentata per la prima volta con noi nel numero 14.1, 2002. Puoi raccontarci un po ‘ di come la tua scrittura è cambiata da allora?

Non penso di essere così stordito come un tempo? Ma lo stesso intento epico, lì con Achille nel poema di Giunone, mi segue ancora in giro.

Se potessi tornare a quando è uscito il problema, quale consiglio ti daresti allora?

“Caro Josh,” direi, ” non è necessario usare TUTTE le parole nel dizionario.”

Quanto era importante la presentazione alle riviste letterarie all’inizio della tua carriera?

Essere pubblicato in Sycamore Review è stato COSÌ importante per me. Non ero stato pubblicato molto allora. Sembrava la conferma che stavo facendo la cosa giusta.

Chi stai leggendo ora?

Parlando di intento epico, ho appena “scoperto” la traduzione di Michelle Gil-Montero della lunga poesia di Valerie Mejer Caso This Blue Novel. “Il mare è l’immagine sputata di questa ragazza addormentata / e niente come il Texas.”Caso è paziente e selvaggio allo stesso tempo e sto imparando molto da lei.

dall’emissione 30.1

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.