Marna

Una marna litificata, una roccia sedimentaria indurita costituita principalmente dagli stessi componenti della marna, vale a dire. una miscela intima di argilla e grani di dimensioni limo e carbonati (di solito calcite). Le classificazioni quantitative variano considerevolmente, ma in genere si ritiene che contengano dal 30% al 70% di siliciclastici (argilla, limo e silice biogenica) e dal 70% al 30% di carbonati (basati su Colorado School of Mines: https://www.researchgate.net/profile/Alena_Grechishnikova/publication/321886269/figure/fig21/AS:[email protected]/Chalk-and-marl-classification-system-defined-by-the-Colorado-School-of-Mines-Niobrara.png; e pubblicazioni IODP: http://publications.iodp.org/proceedings/341/102/images/02_F05.jpg). Altre classificazioni utilizzano gamme dal 25 al 35% di carbonato o siliciclastica, ma molte rocce chiamate marne sono probabilmente basate su ipotesi della loro composizione. Utilizzando il link sopra le rocce con più carbonato sono chiamati calcare argilloso, o con meno sono chiamati fanghi calcarei. Con un componente di silice biogenica crescente si trasforma in selce calcarea; con l’aumento della componente di sabbia in un’arenaria calcarea o calcare sabbioso.
La marna è solitamente di colore grigio chiaro o bianco; presenta una frattura subconcoidale a blocchi ed è meno fissile dello scisto. Può essere formato in condizioni marine o più comunemente d’acqua dolce.
Sinonimo: marlite
Il termine è stato originariamente applicato da Bradley (1931) a fanghi calcarei leggermente magnesiani o calcari fangosi nella formazione Green River del bacino di Uinta, UT, ma successivamente applicato a rocce associate (inclusi scisti convenzionali, dolomiti e scisti bituminosi) i cui caratteri litologici non sono stati facilmente determinati. Picard (1953) raccomandò l’abbandono del termine usato nel bacino di Uinta.
Rif: AGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.