‘ Lifestyle ‘ in Advertising

Bob Sheard, co-fondatore di FreshBritain, un’agenzia creativa con sede a Londra che lavora con artisti del calibro di Nike, Levis, Dr Martens, Arc’Teryx e New Balance, continua il suo commento sul business in questo ultimo post. Qui esamina perché lo stile di vita rimane uno stratagemma chiave che i marchi continuano a favorire e chiede se hanno bisogno di trovare nuovi modi per connettersi con i consumatori mentre il ritmo del loro dialogo accelera e diventa più complesso.

Per anni i marchi hanno legato una grande fetta di vita a ciò che fanno per contestualizzarlo. Vendere uno stile di vita è qualcosa che ha lavorato per i marchi da quando hanno iniziato a commercializzarsi in modo organizzato.

Perché continuiamo a cadere per esso? Ho indossato biancheria intima Calvin Klein per 30 anni e non sono mai riuscito a ottenere un six-pack. Non funziona.

A mio parere, inizieremo a guardare indietro a questa era della pubblicità nello stesso modo in cui ora guardiamo alla pubblicità delle sigarette degli anni ‘ 50 e ci chiediamo perché la gente ci sia caduta? Perché la gente pensava che quando fumavano una sigaretta assomigliassero a Cary Grant? Non l’hanno fatto.

Se si guardano tutte le riviste di moda è tutto lifestyle driven, tutte le riviste di lifestyle sono lifestyle driven, tutte le riviste di stile sono lifestyle driven-perché continuiamo a cadere per esso? Perché continuiamo a guardare una rivista, vedendo un’immagine che è stato costruito con il miglior fotografo che la marca può permettersi, il miglior stilista del brand può permettersi, la migliore posizione che il brand può permettersi, con il nome del brand, la marca del prodotto su di esso e quindi presente che, come uno stile di vita che pensiamo di comprare? Penso che siamo sull’orlo di un enorme cambiamento e penso che sarà l’equivalente del cambiamento che si è verificato nella pubblicità automobilistica negli Stati Uniti negli 1950.

Negli anni ’50, la pubblicità automobilistica americana era tutta guidata dallo stile di vita: avevi Chevy, Buick, Dodge e Ford che presentavano tutti “Big America” e “Big Cars”. Si trattava di consumare felicemente “grandi” luoghi all’aperto con queste grandi auto.

Era un mare di stile di vita.

Se si guarda alla pubblicità di allora e contrasto con ora, da Ralph Lauren a Abercrombie & Fitch, ognuno è stile di vita guidato e se si torna al 1950 era lo stesso.

Poi un marchio è arrivato e ha cambiato lo status quo. Quel marchio era VW, che meno di dieci anni dopo la seconda guerra mondiale, ha preso una macchina tedesca nel mercato americano e utilizzando un semplice colpo di prodotto di un maggiolino VW chiamato un ‘limone’. E ‘ stato provocatorio, anti-stile di vita e ha funzionato davvero.

E oggi, tutti i marchi con cui lavoriamo si stanno gradualmente allontanando dal lifestyle. Devi essere all’avanguardia nel dire la verità, essere onesti nella tua pubblicità e scoprire che la magia dovrebbe essere nel prodotto, non nello stile di vita vago che non esiste da nessuna parte.

C’è un cambiamento di paradigma nel modo in cui i consumatori interagiscono con i marchi; tradizionalmente i marchi si connetterebbero due volte all’anno, una volta con la campagna estiva e una volta con la campagna invernale. La conversazione è andato, “Ci vediamo solo due volte l” anno, quindi ho intenzione di presentarvi con questo stile di vita che si può scegliere di acquistare in.”Ora ci interfacciamo con i nostri marchi ogni giorno tramite Internet, social media ecc. quindi una singola campagna pubblicitaria ad alto impatto non è sufficiente. Ciò che dobbiamo creare sono relazioni significative in cui la comunicazione del marchio deve essere più profonda, più onesta e robusta.

Successivamente, quando si gratta sotto la superficie di un marchio, a differenza dello stile di vita vago, c’è maggiore profondità e personalità. Il consumatore ne richiederà di più dai nostri marchi e i marchi devono capirlo molto rapidamente perché la continua perpetuazione della pubblicità guidata dallo stile di vita ad alto impatto non lo taglierà più. Smetterà di funzionare e i marchi che stanno sviluppando relazioni forti e significative con i loro consumatori avranno successo.

Il BBB di questa estate sarà inondato di lifestyle e il 99% dei marchi cercherà di “falsificare” il proprio vicino in un mondo in cui troviamo la Verità nel Prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.