Anziano L. Whitney Clayton

Con l’intenzione di costruire una Torre

Di Anziano L. Whitney Clayton

Fratelli e sorelle, sono molto felice di essere qui, e felice di avere quell’esperienza in Argentina ricordata per voi e per me. Sto ancora indossando alcuni dei ” helados.”Ho imparato che non c’era niente come “helado” a Buenos Aires, o in qualsiasi altro luogo in Argentina. E l’ho provato ovunque in Argentina. Ma è stata un’esperienza felice che i nostri ragazzi hanno avuto, e una grande lezione come Kathy ti ha spiegato.

Siamo così felici di essere qui con voi. Ho pensato e pensato a quello che potrei dirvi, e ho concluso che avrei condiviso con voi alcune esperienze che sono state significative per me, e cercherò di tessere alcune scritture per aiutarvi a capire perché sono state importanti per me.

Credo che a questo punto della vostra vita, quando state lavorando così duramente sulle cose che volete diventare, sia importante ricordare il quadro più ampio di ciò che state diventando. Stai ricevendo un’educazione, che è formidabile e di fondamentale importanza. In questo mondo, non si può davvero ottenere troppa istruzione. Quindi, ottieni tutta l’istruzione che puoi ottenere. Questo è un principio molto importante, e diventerà più importante come il mondo va avanti. Il mondo ha pochissima pazienza per le persone che non sono istruite in questi giorni, almeno economicamente.

Ma c’è un senso più ampio all’educazione Che vorrei richiamare alla vostra attenzione, e lo faccio condividendo alcune esperienze che sono state significative per me, e spero che vi saranno utili.

Comincio con una scrittura che userò come trampolino di lancio per le mie osservazioni. Questo è uno che viene preso fuori dal contesto; il contesto non si adatta all’uso che darò a questo versetto, ma il versetto ti sarà familiare. Da Luca 14: “Per chi di voi, che intende costruire una torre, non siede prima, e conta il costo, se ha sufficiente per finirla?”(Luca 14: 28).

L’espressione che il Salvatore ha dato di costruire una torre è stata usata per altri scopi, ma per quanto riguarda dove siete, ciò che state facendo, ciò che sperate di diventare, e la lunga vita che è davanti a voi—una lunga e felice opportunità di costruire una grande vita—vi inviterei a considerare pensieri sul conteggio dei costi e pensieri sull’assicurare che la vostra vita sia completa nel senso arrotondato, completa nel senso appagante. E che, a lungo andare, sarai contento di quello che hai fatto con la tua vita, di come hai vissuto e di dove ti ha portato.

Lasciatemi quindi suggerire un paio di pensieri. Un’esperienza che non ho mai dimenticato—sembra molto insignificante oggi – ma anni fa, Kathy e ho vissuto a Sacramento, California. Abitavamo sul lato est di Sacramento, appena a nord di una superstrada chiamata Highway 50. Era l’autostrada da Sacramento a South Lake Tahoe. Percorrevamo quell’autostrada ogni tanto, andando ad est per un motivo o per l’altro.

Non molto tempo dopo ci siamo trasferiti lì, sul lato sud della superstrada, qualcuno ha iniziato a costruire un edificio. Non so davvero cosa fosse destinato a diventare l’edificio. Il motivo per cui non lo so è che, lungo la strada, la costruzione si è fermata e non è mai stata ricominciata. Era questo scheletro di un edificio, forse un po ‘ più di uno scheletro. Non era solo l’inquadratura; un sacco di lavoro è stato fatto. Ma si è bloccato. Ogni volta che passavamo, pensavo a quel versetto: “Quale uomo fra voi, intenzionato a costruire una torre, non siede per primo a contarne il costo…?”

Non conosco quale fosse il problema. Mi chiedevo se si trattasse di un problema economico o se fosse sorto qualche altro problema. Non capisco cosa l’abbia fermato. Ho pensato a quanto fosse terribile per quell’edificio non essere completato. Da allora ho visto che c’era un messaggio molto più grande in questo, e quanto sia terribile per una vita non realizzare tutto il bene, tutta la meraviglia, tutta la bellezza che il Cielo intende realizzare. Il cielo vuole te e vuole me e vuole che tutti noi abbiamo una vita soddisfacente, nobile, edificante, gioiosa, felice. Ho imparato come ho guardato per tutta la vita che ci sono percorsi che portano a quelle destinazioni di felicità e gioia e appagamento e soddisfazione e utilità e scopo—e così tante strade che portano ad altri luoghi.

Quell’edificio sul lato della Highway 50 è sempre nella mia mente. In effetti, l’ultima volta che eravamo lì—o forse ero lì; Non sono sicuro che Kathy fosse con me—in realtà sono uscito, anni dopo. Abbiamo studiato legge li ‘ 40 anni fa. Ho guidato fuori per vedere se era ancora lì. Sarai felice di sapere che non lo era. La città ha raggiunto quella parte di East Sacramento, e qualunque cosa fosse che stava per essere lì non è più lì.

Hai così tante promesse. Hai cosi ‘ tanto potenziale. Hai così tanta capacità di diventare qualcosa in questa vita. Non sto parlando di diventare ricchi o famosi. Sto parlando di diventare una persona di sostanza, una persona di valore, una persona affidabile e affidabile, una persona capace, una persona a cui la responsabilità può essere data senza paura, una persona in cui un’altra persona—un marito o una moglie, o altre persone, bambini—può fidarsi senza riserve. Sto parlando del tipo di persona che sta bene in qualsiasi società e tra qualsiasi gruppo di persone.

Le persone di sostanza, le persone che hanno fatto qualcosa di se stesse attraverso una vita retta, sviluppano un senso interno di benessere e un senso interno di compostezza e grazia che altre persone che scelgono altre strade non godono. Possono godere di altre cose, ma non godono le cose che più nobilitano una vita.

Con questo in mente, lascia che ti inviti a considerare alcune cose che ti aiuteranno a costruire vite che ti saranno utili. Questa mattina, nella Riunione-i sette Presidenti dei Settanta partecipano alla Riunione del Quorum dei Dodici, quasi tutta la riunione, ogni martedì mattina. Sono appena uscito da quella riunione quando sono venuto qui. Uno dei membri dei Dodici, parlando di una questione che arriverà per la decisione finale tra non molto, ha detto: “Bene, il cemento è ancora bagnato per questa idea.”Ed è di questo che sto parlando. Sei giovane. Sarebbe molto difficile per me tornare nella vita e decidere che sto per essere un medico, o ho intenzione di essere un ingegnere civile. Sono un po ‘ troppo vecchio per questo. E ‘un po’ troppo tardi per me per fare un sacco di cose, ma per voi, quasi tutti voi che siete qui, il vostro cemento è ancora bagnato. Il tuo calcestruzzo guarirà, si indurirà nel tempo. Si indurirà come la vita va avanti. Quindi pensa attentamente.

Lascia che ti racconti un paio di storie che chiariscono questo pensiero. Quando vivevamo a Buenos Aires, c’era un amico lì, un membro della Chiesa, che aveva una compagnia che costruiva barche a vela—grandi barche a vela, yacht, yacht belli. Di tanto in tanto ci portava sul Rio de la Plata—il fiume che separa l’Uruguay a nord in quel punto, dall’Argentina a sud—e andavamo a vela per il giorno. Ha usato per regatare barche a vela da Buenos Aires dritto verso est verso l’Africa. Naturalmente, l’Africa è tutta la strada attraverso l’oceano. Avrebbe navigato lungo questo grande fiume; era largo venti miglia in quella parte del fiume, e giù alla foce del fiume dove il fiume sfocia nell’Oceano Atlantico, è largo 200 miglia.

La corsa era da Buenos Aires a un luogo chiamato Punta del Este, il punto orientale dell’Uruguay. Perché il fiume è così largo e perché non c’è assolutamente nessuna elevazione lì—tutto è piatto—se sei nel mezzo del fiume, non puoi vedere i lati del fiume una volta che arrivi a valle un po ‘ più vicino all’Oceano Atlantico. Ha spiegato con quanta cura ha dovuto guidare quella barca per la bussola. Ha detto, ” Se si è solo fuori da un grado o due, si può passare da Punta del Este senza vederlo.”E dov’è la prossima fermata? Africa. “Quindi”, ha detto, ” impariamo a tenere gli occhi sulla bussola perché un errore di solo uno o due gradi può fare un’enorme differenza.”

Il presidente Dieter F. UchTdorf—Elder nowTdorf now—ha parlato dello stesso concetto rispetto a un aereo turistico che ha lasciato la Nuova Zelanda per volare in Antartide solo per imparare, purtroppo, che la loro avionica, i loro sistemi per guidare l’aereo, erano fuori controllo. Hanno imparato che quando l’aereo si è schiantato contro una montagna perché erano appena stati fuori per un grado o due per centinaia e centinaia di miglia (Una questione di gradi, aprile 2008 Conferenza generale).

In questo senso, il presidente Russell M. Nelson, nella sua conferenza stampa e nelle sue prime osservazioni alla Chiesa dopo essere stato annunciato come Presidente della Chiesa, ci ha ricordato di “continuare sulla via dell’alleanza.”Te lo ricordi? L’ha detto diverse volte. Una volta credo che abbia detto: “rimani sul sentiero dell’alleanza”, e si è corretto. Egli ha detto, “Mantenere il sentiero del patto” (Presidente Rusell M. Nelson nominato 17 ° Presidente della Chiesa). C’è sicurezza nel sentiero dell’alleanza, o sul sentiero dell’alleanza.

Lasciate che vi porti a una scrittura che spiega questo concetto. “Entrate per la porta stretta, perché ampia è la porta, e ampia è la via, che conduce alla distruzione, e molti sono quelli che vi entrano:

“Perché stretta è la porta, e stretta è la via, che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano” (Matteo 7:13-14).

Coloro che si avventurano fuori dal sentiero stretto e stretto anche di un grado o due, per un periodo di una vita, troveranno che la separazione che il grado o due ha causato nella loro vita tra il sentiero stretto e stretto e dove sono finiti, li ha portati a destinazioni che non volevano raggiungere. È così facile da permettere solo un po ‘ di spazio fuori dal bordo.

Il mio primo presidente di missione—ne avevo due—ci diceva: “Non essere mormoni a misura di nastro.”Ed è stato un modo davvero intelligente di dire,” Non misurare lo stretto e il sentiero stretto per scoprire quanto è largo in modo da sapere quanto puoi farla franca.”Ha detto,” Cerca il centro dello stretto e del sentiero stretto, perché è lì che si trova la sicurezza.”

Rispetto a questi concetti, lascia che ti porti ad altri due o tre pensieri rapidi. Questa è una, un’altra esperienza dal Sud America, che è stata tremendamente significativa per me. Kathy mi ha sentito condividere questo in tutto il mondo. È stata una delle esperienze più istruttive che abbia mai avuto.

Siamo arrivati in Argentina nell’agosto del 2002, e c’è stato un crollo economico. Nel dicembre del 2001, l’Argentina ha avuto quattro presidenti nazionali in dieci giorni. Il valore del peso era passato da uno a uno con il dollaro a uno a quattro. Quindi, se tu avessi una banconota da un dollaro, sei stato fortunato, perché potresti comprare molte più cose. Ma se tu avessi pesos, la tua capacità di acquistare cose sul mercato era notevolmente diminuita. Alla gente non era permesso prendere soldi dalle banche, ed era difficile trovare un bancomat per ottenere denaro.

In quella circostanza, mi è stato chiesto di andare fino al Paraguay, che è il paese a nord dell’Argentina. È un paese molto più piccolo geograficamente, economicamente e per popolazione. Quando l’Argentina si ammalò così tanto della sua malattia economica, il Paraguay-che dipendeva dall’Argentina per quasi tutto-divenne ancora più malato.

Ero stato in Argentina solo due settimane. Non ero stato in Sud America dal 1971, quando ho finito la mia missione. Quindi, più di trent’anni dopo, non sapevo nulla del Paraguay. Non ero mai stato lì prima. Ho incontrato i sei presidenti di palo ad Asunción e ho chiesto loro di raccontarmi tutte le cose buone che stavano accadendo nei loro pali. Non volevo parlare dei problemi. Ho pensato: “Non ho le risposte a queste domande. Non sono stato qui abbastanza a lungo per avere qualche consiglio per voi, fratelli, quindi ditemi solo tutte le cose buone.”

Il primo ha fatto, e mi ha detto un paio di problemi. Mentre giravano il semicerchio di fronte a me, quando arrivammo all’ultimo presidente di palo, aveva completamente dimenticato la domanda, con l’aiuto degli altri che lo avevano preceduto, e aveva appena elencato tutti questi gravi problemi. Mi stavo prendendo a calci mentalmente: “Ben fatto, fratello Clayton”, era fondamentalmente quello che mi dicevo. “Hanno elencato per te, hanno recitato questi problemi molto seri che le persone della loro posta in gioco stanno affrontando in questo momento di turbolenze economiche e collasso e disperazione. Non hai alcun consiglio per loro. Cosa farai?”

Mentre avevo quel pensiero davanti e al centro nella mia testa, una domanda mi è venuta in mente come una domanda completamente incorniciata: “Anziano Clayton, fai loro questa domanda: ‘I presidenti, per le persone nella vostra pali coloro che pagano la decima, che pagano una generosa offerta di digiuno, che tenere la serata familiare, che a leggere le scritture come una famiglia, che onorano la loro chiamata, e che andare fuori e di onestamente servire come insegnante in visita o un insegnante familiare ogni singolo mese—per quel gruppo di persone che nei pali, presidenti, ci sono così tante persone che hanno problemi nel mondo di oggi, in Paraguay, che non riesce a risolvere?'”

Così ho fatto la domanda. Ho detto, “i Presidenti, per le persone nella vostra pali coloro che pagano la decima, che pagano una generosa offerta di digiuno, che fanno onore alla loro chiamata, che sono diligente e fedele a casa gli insegnanti, che tenere la serata familiare e la famiglia di preghiera per quel gruppo di persone che nei pali, ci sono così tante persone che non possono affrontare e risolvere i problemi che sono di fronte a loro, senza la Chiesa dover intervenire e risolvere i problemi per loro?”

I presidenti di palo, in un’unica mozione, mi guardarono con sorpresa. Cosa hanno detto? Hanno detto: “Beh, nessuno. Tutte le persone che fanno queste cose stanno andando bene.”Hai capito il messaggio? Tutte le persone che stanno facendo quelle cose stanno andando bene. Questa non è scienza missilistica, fratelli e sorelle. Si chiama il centro dello stretto e del sentiero stretto. Si chiama ” non essere un mormone a nastro.”Non allontanarti dal sentiero. La sicurezza si trova nel centro.

Mentre costruisci le tue vite, vuoi avere un’altra esperienza raccontata che ho avuto alcuni anni fa a praticare legge nel sud della California. Ho avuto un caso che mi ha portato a San Diego. Abbiamo vissuto a Irvine, che non è proprio a metà strada tra Los Angeles e San Diego, e ho guidato quasi ogni giorno per quasi un anno e mezzo a San Diego a causa di un caso che stavo gestendo laggiù. E mentre guidavo, il tempio era in costruzione. Il Tempio di San Diego si trova proprio sul lato della superstrada.

Mentre guardavo, e stavo guardando lungo la strada, ma mentre guardavo, ho notato qualcosa di molto interessante. Si sarebbe interessato, tra l’altro-è così vicino alla superstrada che Time Magazine ha detto anni fa che la Chiesa LDS non ha capito la necessità di separare chiesa e interstatale. E ‘ un bellissimo tempio. Se andate a San Diego oggi e ascoltate i rapporti sul traffico, dato che è proprio vicino all’autostrada, i giornalisti del traffico diranno: “Sono dieci minuti dal centro al Tempio, ed è quindici minuti dal Tempio a Carlsbad.”Quel genere di cose. È un monumento. Tutti sanno dove si trova.

Ho guardato mentre la terra veniva ripulita. Hanno portato attrezzature pesanti, e hanno tirato con attrezzature per il movimento terra, hanno tirato via tutto il pennello. Hanno livellato la terra. Prepararono la terra per la costruzione del Tempio. Ho guardato, ogni giorno come vorrei guidare da e guardare il sito nel pomeriggio, sulla strada di casa, come hanno scavato i fori per i basamenti e per le utenze. Ho visto come hanno versato cemento e mettere la sovrastruttura in acciaio. Ho guardato come hanno cominciato a mettere i pavimenti per i vari piani del tempio, versato il calcestruzzo leggero che ha fatto quei pavimenti. Ho guardato mentre il resto delle utenze entrava nell’edificio, e poi quando hanno messo il rivestimento esterno all’esterno, sembrava un tempio.

Ho guardato come hanno poi cominciato a fare più lavoro con la terra e portare nel paesaggio. Ho visto quando hanno messo la statua dell’Angelo Moroni in cima all’edificio. E ‘ stato un giorno, tra l’altro, che il traffico rallentato. Fino ad allora, il traffico passava, ma quel pomeriggio, sulla via del ritorno, il traffico rallentava. E non è stato a causa di un incidente avanti; era perché tutti vedevano il tempio con occhi nuovi, con la statua dell’Angelo Moroni in cima.

Quell’esperienza mi ha ricordato o mi ha insegnato alcuni concetti preziosi sulla costruzione di vite. Il cielo inizia con i comandamenti fondamentali che livellano la terra, che tolgono il pennello dalla nostra vita, che tolgono le cose che sono ostacoli. E poi il Cielo continua ponendo un solido fondamento, mettendo dentro di noi una sovrastruttura d’acciaio di comandamenti e di fede su cui poi si possono aggiungere altre cose.

In definitiva, le cose più importanti nel tempio sono le cose che sono al suo interno. E questo è vero, anche, anche nell’arredamento del tempio. Se vai al tempio, noterai che ci sono messaggi che vengono insegnati dal livello di arredamento in vari luoghi—finendo, ovviamente, nella stanza celeste. Quando guardi un tempio, vedi una metafora per la costruzione della nostra vita, per il modo in cui Dio ci aiuta a diventare qualcosa. Inizia con le basi e passa ai migliori perfezionamenti dell’anima interiore, quando siamo pronti per questo.

Quando pensiamo a costruire vite, pensiamo a osservare i comandamenti di Dio. Le persone che osservano i comandamenti di Dio non hanno bisogno di essere salvate dagli effetti negativi delle scelte sbagliate. Non fanno quelle scelte sbagliate. Le persone che osservano i comandamenti di Dio trovano una forza interiore perché Dio aiuta a metterla lì. Le persone che osservano i comandamenti di Dio trovano un abbellimento interno, un lavoro di progettazione interna quasi, che rende le persone che hanno osservato i comandamenti nel corso degli anni, bella gente.

Ho imparato che questo è qualcosa che quasi tutti noi possiamo vedere in altre persone. Possiamo dire un membro della Chiesa da lontano in un aeroporto. Probabilmente avete avuto questa esperienza. Ce l’abbiamo sempre. Vedremo qualcuno e diremo: “Quello è un membro della Chiesa.”Qualcuno camminerà da noi su un aereo e penserò”, era un membro della Chiesa che passava.”Diventa ovvio nel tempo.

Lascia che ti porti a uno o due pensieri aggiuntivi, e poi chiuderò. Questo versetto del Libro di Mormon, che si ripete quasi nella stessa lingua per tutto il percorso attraverso il Libro di Mormon, non è preso fuori contesto, credo, a tutti, ma a volte penso che sia frainteso. In vari luoghi troviamo questa frase, “Poiché il Signore Dio ha detto che: In quanto osserverete i miei comandamenti, prospererete nel paese; e in quanto non osserverete i miei comandamenti, sarete stroncati dalla mia presenza” (2 Nefi 4:4).

Non credo che “prosperare nella terra” significhi una Mercedes-Benz in ogni vialetto. Io credo che coloro che osservano i comandamenti di Dio prosperano in tutti i modi che contano di più. Non credo che il Signore si preoccupa se abbiamo una Mercedes-Benz, e ha poca simpatia per coloro che pensano che è qualcosa che hanno appena avuto modo di avere. Non c’è niente di sbagliato in questo, ma se iniziamo a giudicare la nostra autostima dal nome sul retro della nostra camicia, o l’auto che guidiamo, o il quartiere in cui viviamo, non siamo riusciti a diventare persone di vera sostanza. E non c’è niente di sbagliato in queste cose. Sono cose buone e possono essere molto appropriate in molte circostanze. È quando sono il modo in cui ci vediamo, quando diventano il modo in cui giudichiamo noi stessi su quanto siamo preziosi come persona, che siamo usciti dalla pista.

Quando prosperiamo nella terra, prosperiamo perché Dio ci ha benedetti—con la pace della coscienza, con la rivelazione e l’ispirazione quando sono necessarie, con una famiglia felice e intatta. Quando prosperiamo nel paese, prosperiamo perché siamo diventati affidabili, sia per il Signore che per gli altri. I mariti si fidano delle mogli. Le mogli si fidano dei mariti. I bambini sono fiduciosi nella bontà dei loro genitori e non sono ingannati.

Quando prosperiamo nella terra, il Signore può guardarci sempre con gentilezza, ma con l’aspettativa che saremo qualcosa che può usare, ovunque ci mandi e qualunque sia la nostra posizione nella vita.

Voglio testimoniare che Dio ci benedice, e che Dio si aspetta che diventiate persone di sostanza, persone di valore, persone di valore, persone di cui ci si può fidare, persone a cui Egli può dare il Regno e molta responsabilità per sopportarlo. Ha bisogno che cresciate figli giusti, che abbiate matrimoni felici, che siate la luce per il mondo. Ha bisogno che tu sia tutto ciò che vuole che tu sia, non perché Lo benedica così tanto, sebbene sia la Sua opera e la Sua gloria a portare a compimento la vita eterna (vedi Mosè 1:39), ma perché ti ama e vuole che tu provi la gioia che deriva da una vita di buone scelte che si trasformano in meravigliose conseguenze.

Porto testimonianza che Dio vive. So che vive. Che Gesù Cristo è il Suo Figlio santo e risorto, che questa Chiesa è la Sua Chiesa. È l’unica Chiesa vera e vivente sulla faccia della terra. È l’unica Chiesa che ha tra le sue fila coloro che detengono il sacerdozio di Dio e sono autorizzati ad usarlo. Porto testimonianza della sua traiettoria profetica. Compirà tutto ciò che il Signore ha detto, e lo farà perché ci sono persone meravigliose al suo interno che osservano i comandamenti e servono Dio con tutto il cuore, la mente e l’anima.

Vi porto questa testimonianza e vi esprimo amore e gratitudine per tutto ciò che fate per diventare persone di sostanza e di valore, nel nome di Gesù Cristo, amen.

Pensa in grande, con Fede non temere

Sorella Kathy K. Clayton

Che bella, trionfante musica sia del pianista che dei cantanti. E ‘ stato spettacolare. Ringraziamento.

Sono così felice di essere con te. È un piacere per me godere della tua compagnia e un piacere per me essere adiacente a mio marito, che adoro. E ‘ stato divertente per me salutare alcuni di voi come siete arrivati. Per molti di voi che sono chiaramente madrelingua spagnola, mi sono concesso un po “di un” mucho gusto.”Spero che non ti dispiaccia. Ho ricordato come ho fatto, un sacco di” mucho gusto ” che ho offerto non tanti anni fa – abbastanza recentemente che è ancora un ricordo molto vivo – quando abbiamo vissuto a Buenos Aires su un incarico per mio marito.

Siamo arrivati lì, tutti quegli anni fa, con il mio non conoscere alcun spagnolo a tutti. Era un po ‘ intimidatorio. In realtà, è stato enormemente intimidatorio. Ricordo così chiaramente quell’arrivo. Eravamo stati su un volo tutta la notte-alcuni di voi che sono sudamericani sanno di cosa si tratta. Si deve volare tutta la notte per arrivare da qui a lì o da lì a qui. Quel volo notturno è un po ‘ vertiginoso di per sé. Siamo stati prelevati in aeroporto e spronato fuori al piccolo condominio che doveva essere la nostra casa per, si è rivelato essere, quattro anni. All’epoca non sapevamo per quanto tempo saremmo stati di stanza lì, ma quell’incarico finì per durare per quattro anni. Quando arrivammo nella residenza del centro di Buenos Aires, salimmo quel piccolo ascensore. Qualcuno ha portato le nostre borse nel nostro nuovo soggiorno e ha spinto mio marito nel suo nuovo ufficio. Sono stato lasciato nel condominio con alcuni dei nostri figli e uno dei loro amici. Tra i nostri sette figli, sei di loro erano single al momento di quel trasloco, quindi molti di loro ci avevano accompagnato inizialmente per vedere il mondo che i loro genitori avrebbero chiamato casa per il prossimo periodo di tempo indeterminato.

Lasciato in quel luogo straniero con quei bambini, mi sono avvicinato alla finestra e ho guardato fuori dove ammiravo gruppi di argentini belli ed eleganti che presumevo non parlassero inglese. Sapevo che sicuramente non parlavo spagnolo e sentivo il sangue fuoriuscire dal mio viso. Una figlia, che aveva circa la tua età, era al mio fianco. Era diventata mia amica e mia figlia. (Questo è ciò che accade quando si arriva a essere alla stessa altitudine come le vostre mamme e papà-si diventa loro amici. Mi guardò e penso di leggere i miei pensieri. Ha detto: “Non saltare, mamma!”Ci stavo pensando, ma non l’avrei fatto. Ho avuto un po ‘ di paura. In effetti, mi sentivo abbastanza timoroso – così incerto su come avrei gestito questo. Sembrava così tanto e così scoraggiante e così difficile e così sopra la mia testa.

Avevamo diversi figli che erano venuti con noi oltre a quella figlia. Quei ragazzi sono scesi in strada. Avevano dei soldi che avevamo ottenuto dal bancomat all’aeroporto. Erano equipaggiati per la loro avventura con una banconota da 100 pesos, che in quei giorni, durante un periodo di disastro economico in Argentina, era l’equivalente di una ventina di dollari. In tempi normali che non sarebbe sembrato così tanto, ma in quel momento probabilmente sembrava a molti argentini più come quello che avrebbe innescato nei nostri pensieri la vista di mille dollari. Sembrava proprio come un sacco quando la gente stava pizzicando i loro centesimi così assiduamente. I nostri ragazzi hanno preso quella banconota da 100 pesos e sono scesi in piazza per conquistare Buenos Aires e l’Argentina in generale.

Sono tornati trionfanti – questo è ciò che mi ha fatto pensare a “trionfante” mentre ascoltavo la tua bella musica. I nostri ragazzi sono tornati per raccontare a noi e alla loro sorella le loro scappatelle e la loro prima esperienza per le strade di Buenos Aires. Hanno detto di aver trovato, subito, un negozio “helados”. Sai cos’e’. È quel gelato appiccicoso, appiccicoso e delizioso che mangi con una piccola pala. Così buono! Hanno continuato a dirci che, dal momento che non parlavano nemmeno lo spagnolo, hanno attraversato la linea, come era la procedura in questo negozio, e hanno indicato i sapori che volevano, poi hanno indicato il “cono” che volevano il loro gelato da mettere in. Quando sono arrivati alla fine della fila al cassiere, gli hanno consegnato la loro banconota da 100 peso. Ci hanno detto quanto sono grandi gli occhi di quel cassiere e come ha agitato il dito contro di loro e ha detto, “No tenemos cambio”, che significa, ” Non abbiamo il cambiamento per quello!”Non avrebbe mai nei suoi sogni più selvaggi avere un cambiamento per una nota di 100-peso nel suo registratore di cassa. Sarebbe stato vulnerabile a persone disperate che volevano quel cambiamento.

Io, ancora impaurito e sopraffatto dalla paura e dalla novità e dall’estraneità e dalla “diversità” di tutto ciò, dissi loro: “Oh, che tristezza!”lanciarsi in una grande festa di pietà su come” voi poveretti non siete riusciti nemmeno a prendere i vostri coni gelato in questo strano posto.”Mi guardarono con un’espressione di smarrimento e dissero:” Mamma, abbiamo i nostri coni gelato!”

Scommetto che alcuni di voi possono indovinare cosa hanno fatto, specialmente i ragazzi tra di voi. Mi sentivo sopraffatto; si sentivano trionfanti. Ho detto: “Cosa hai fatto?”Alcuni di voi probabilmente lo sanno, ma ve lo dirò. Hanno appena detto al cassiere, comunicando con gesti, ” Bene, allora dovremo solo comprare 100 pesos di gelados.”Così quei tre ragazzi, con sei mani in mezzo, tornarono nella nostra nuova casa con sei borse. Ogni sacchetto conteneva tre contenitori di polistirolo di gelados, con un piccolo pezzo di ghiaccio secco sopra ogni contenitore. I ragazzi hanno portato quei diciotto contenitori di polistirolo a casa e li hanno messi nel nostro congelatore, il congelatore nell’appartamento sotto di noi e il congelatore nell’appartamento sopra di noi. E abbiamo mangiato helados per giorni.

Il mio messaggio a voi è pensare più grande. Pensa in grande. Non essere paralizzato o governato dalla tua paura. Se questo nuovo posto, questi nuovi studi, queste nuove persone, e – per molti di voi – questa lingua non nativa, si sentono come un sacco, si sentono un po ‘ scoraggiante o presagio o impraticabile e impossibile, non lasciate che questi sentimenti dettare i vostri principi di governo. Prendere alcuni rischi. Pensa in grande e conquista questa nuova grande avventura, che è tua da abbracciare per la presa. Vai a casa con borse e sacchetti di helados, non un partito peccato di paralisi perché si crede che sia semplicemente troppo difficile.

So a titolo di testimonianza che il buon Dio che ci ama tutti è potente in ogni aspetto, e si diletta a salvarci – salvaci nel senso ultimo, e salvaci nel senso immediato, dalla paura. Per favore, cari fratelli e sorelle, accogliete questa opportunità con grande fede e soggiogate la paura. Fidati che ci può essere helados abbastanza per giorni, per tutta la vita, se si farà un passo avanti e pensare più grande con fiducia nel Dio che ti ama e ti benedirà. So che è vero. Vi lascio il mio amore e la mia testimonianza, nel nome di Gesù Cristo, amen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.